Associazione Amici del Cabaret
P.IVA 01302210297
via P. Nenni, 2/A - 45026 Lendinara (RO) - Privacy

Tutorial virale: come creare una nuova donazione di sangue

18 Ago

Il sangue non si può sintetizzare artificialmente in laboratorio.
Affermazione semplice, eppure anche il concetto base per cui è nata l’associazione AVIS e cui si fondano tutte le problematiche connesse al tema “donazione sangue”.

Perché se non si può riprodurre, significa che non abbiamo a disposizione un sostituto al sangue umano. E per quanto la ricerca scientifica sia sempre pronta a scommettere sul fatto che tale traguardo sia vicino, l’unica strada, attualmente percorribile con certezza, rimane quella della donazione volontaria.

Proprio perché la faccenda non è semplice, noi di Riso Fa Buon Sangue abbiamo tentato di svilupparla in un video intitolato: “Tutorial: come ricreare una donazione del sangue“, con la nostra consueta ironia. La mossa si è rivelata vincente, trasformandosi in un fenomeno virale: il video si apre con una serie di affermazioni assurde inerenti alla fabbricazione artificiale del sangue, per poi proseguire raccontando…eh, beh. Lo dovete vedere. Io non dico più nulla 🙂

Ma come è nato il tutto? L’idea e la realizzazione sono ad opera di Umberto Barison e Davide Stefanato. Quest’ultimo nome lo conoscete, essendo uno dei comici che ha totalizzato più presenze sul palco di RFBS. In questi anni, ha portando tanti personaggi e sketch comici, contenenti utili informazioni sul tema della donazione del sangue.
A Davide, ho chiesto di raccontarmi la nascita del video e lui, con molta disponibilità, si è prestato alla richiesta: “…ai primi di giugno, Enrico Cibotto mi dice che gli sarebbe piaciuto proporre un nuovo pezzo di cabaret capace di esporre in modo divertente, ma veritiero, la gloriosa storia di Avis. In pochi giorni di confronto, nasce il testo, ma decido di non portarlo sul palco, bensì di farne un video. In questo mi ha aiutato un gruppo di amici, con i quali abbiamo fondato la SpritzFilm*, ovvero una realtà di produzioni multimediali, realizzate da professionisti del settore, con denominatore comune l’umorismo. Terminato il lavoro, lo abbiamo affidato alle sapienti mani di Enrico, ricevendo, in pochi giorni, più di un apprezzamento. Quindi grazie Riso Fa Buon Sangue e ovviamente….grazie Avis.” Sì, perché dalla nascita della nostra pagina Facebook, è il contenuto, fino ad ora, più visto e cliccato! Diamo qualche numero: 89.045 persone sono state raggiunte e 18.425 hanno visualizzato il video. Di queste, 1697 persone ci hanno dimostrato il loro apprezzamento cliccando mi piace o commentando.

Solo, si fa per dire, 628 persone lo hanno condiviso. Questo perché molti utenti, non sapevano se potessero farlo o meno. E, qui, colgo l’occasione per dire che TUTTI I CONTENUTI che RFBS pubblica sono condivisibili! Anzi, è proprio attraverso questa modalità che il nostro progetto ha possibilità di farsi conoscere e crescere. 

Questi numeri sono importanti perché ci danno la possibilità, come associazione, di comprendere, per dare sempre il meglio, i canali e le forme comunicative più adeguate per riuscire a portare all’attenzione temi non facili (nel video, per esempio, si parla anche della compra-vendita del sangue). Se, inizialmente, temevamo che una produzione simile potesse essere ricevuta con resistenza o che qualcuno la etichettasse come una trovata goliardica, tutti i timori si sono dissipati grazie ai tanti commenti ricevuti. Molti di voi hanno concordato che la positività aiuta sempre e qualcuno ha anche proposto di proiettare il video nelle scuole, come input ad accostarsi al mondo della donazione.

Anche la positività, su cui basa l’intero progetto RFBS, non è riproducibile artificialmente, ma si dona…quindi grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla diffusione di questo tutorial e, ovviamente, grazie alla creatività e impegno di coloro che lo hanno realizzato! Se non lo avete ancora condiviso, oppure desiderate rivederlo, cliccate qui —> Tutorial: come ricreare una donazione del sangue

*(per avere più informazioni sull’iniziativa, cliccate SpritzFilm e sarete indirizzati alla relativa pagina Facebook)

Share this blog post