Associazione Amici del Cabaret
P.IVA 01302210297
via P. Nenni, 2/A - 45026 Lendinara (RO) - Privacy

“Il risultato di un vero sforzo creativo è l’inaspettato”… Guarda Veneta 29 luglio 2019

31 Lug

“Sorridere Sempre”, Tour di Riso Fa Buon Sangue, per l’ottava tappa si sposta lungo le dolci sponde del fiume Po, a Guarda Veneta (Ro). Un appuntamento nuovo per gli avisini rivieraschi, che ha sorpreso tutti con una serata divertente, movimentata e ricca di pubblico. Il Presidente Comunale Avis, Stefano Dicati, racconta che da poco più di due anni sono stati festeggiati i 50 anni dalla fondazione dell’associazione e che nonostante le dimensioni ridotte del comune (1200 abitanti) ci son circa 120-130 donatori. Con entusiasmo ed orgoglio presenta la più giovane donatrice, Benedetta Fanchin, che con i suoi 19 anni ha già effettuato due donazioni di plasma afferma: “il dono è un gesto di solidarietà verso chi sta male e un regalo personale, perché dono una parte di me”.  Radio Rcs e le voci di Filippo Cagalli e Tiziano Tessarin intrattengo il pubblico on air con bella musica, interviste e lo spettacolo in diretta. Chiara Granetto “Klaire” apre la serata sulle note di “You are the reason”per poi far  conoscere al pubblico il suo nuovo singolo “Fuoco Maschere, Fiamme”.
Presentatore della serata il comico intrattenitore, amico di Riso Fa Buon Sangue e noto per le sue presenze a Colorado in ci vestiva i panni del “Principe cacca”, Gianpiero Perone

” (il suo post di Facebook dopo la serata) Avevo iniziato a fare cabaret da poco più di un anno e mezzo. Ero inesperto, incantato da tutto ciò che vedevo, cominciavo a guardarmi attorno per cercare di capirci qualcosa. Ad un provino televisivo conobbi Max e Bruno, i Fichi D’India, che non erano ancora i Fichi D’India di qualche anno dopo. Loro facevano il Lupo e Cappuccetto, io il primo Principe Cacca, un incontro da favola. Siccome la sintonia con le persona la senti da subito mi invitarono a Vedano Olona, all’Arlecchino, il locale del fratello di Max, dove si faceva abitualmente cabaret. Fu una delle mie prime trasferte, la ricordo ancora perfettamente, un’emozione grande e la sensazione che qualcosa si stava muovendo per il verso giusto. Era il 21 Novembre 1993.  Ieri sera eravamo ancora lì a guardarci in faccia e a ridere come due scemi. Sorriso sulla faccia e Bruno nel cuore. Sono una persona fortunata..”

Il comico torinese, mantiene il ritmo serrato ed incollante, presentando l’artista ed autore di cabaret con i laboratori di Zelig on the road, Maurizio Bronzini che con la sua chitarra mette rima le motivazioni per diventare donatore, passando ad intonare brani da Fausto leali, ai Pooh da Elton John a canzoni per bambini. Escono poi, sul palco i globuli bianco e rosso ed i mitici Avengers (Paolo Favaro e Davide Stefanato), che con una rocambolesca entrata in scena divertono il pubblico presente, che a spron battuto conoscono la verace “Signora Olga” e la dolce bambina “Annalisa”, interpretati da Max Cavallari (fichi).
Non poteva mancare il simpatico falegname Gino Bueghin (Paolo Favaro) che con la sua semplicità e tagliente ironia racconta l’incontro che ebbe con la sua futura suocera e la vacanza in Egitto.
Davide Stefanato, grande amico di Avis, desidera dire a molti testimoni, il grande pubblico perché é importante diventare donatore.
Sulle note di Love is in the air si conclude la serata

Vi lasciamo con un messaggio che ci è arrivato sulla pagina ufficiale di Riso fa buon sangue di Facebook da parte di Erika Bonon: ciao Enrico, volevo complimentarmi per lo spettacolo fatto a Guarda Veneta ieri sera! È da diversi anni che sento parlare di “Riso Fa buon sangue”, ma non ho mai avuto l’occasione di venirvi a vedere! Vi ho conosciuti durante il mio servizio civile nel 2014 nell’avis di Rovigo, ma vedervi di persona e vedere lo spettacolo per intero è fantastico! Complimenti a tutti per la vostra bravura, disponibilità, ma soprattutto complimenti per il messaggio emozionante che trasmettete!  Viva l’Avis e Viva Riso Fa Buon Sangue!!!

Prossima tappa Urago (Bs) il 2 agosto. Non mancare!

Share this blog post